Progetto Nepal


 

Premium WordPress Themes   Premium WordPress Themes   Premium WordPress Themes

PROGETTO KUMARI

Dal 2009 CLOWN ONE ITALIA Onlus promuove il progetto umanitario "Kumari - NEPAL" che aiuta dieci bimbe povere a terminare gli studi dando sostegno le loro famiglie. Siamo molto preoccupati per loro; le condizioni di sopravvivenza in Nepal sono tragiche. Chiediamo di aiutarci per sostenere urgentemente questo progetto. Il progetto umanitario “KUMARI” propone, con l’appoggio di ONG locali individuate per la loro serietà, di sostenere finanziariamente, con diversi interventi, bambine sfruttate e in situazioni di estrema povertà. La condizione delle bimbe in Nepal é una emergenza umanitaria: non ci sono cifre attendibili sul numero di bambine nepalesi “vendute” ai bordelli indiani o sfruttate per lavori pesanti che sopravvivono in stati di semi schiavitù: Asia Watch, un'organizzazione non governativa (Ong), che per anni ha studiato il fenomeno asiatico, denuncia che più di 50.000 ragazze nepalesi sono state vendute e costrette a lavorare nei bordelli di Bombay e che ogni anno un numero elevato (tra 5.000 e 7.000) donne e bambine vengono trafficate a scopo sessuale verso l'India e verso altri paesi asiatici. Il disagio della condizione femminile in Nepal è aggravato anche dall’usanza dei matrimoni precoci dove l'età media per il primo matrimonio è di 19 anni – ma il 7% delle ragazze si sposa prima di raggiungere i 10 anni e il 40% prima dei 15. Spesso lo sposo è un lontano parente o un uomo ricco con il doppio o il triplo dell'età della sposa. Anche il parto è un grande pericolo per la salute della donna. Molte adolescenti che partoriscono lo fanno senza frequentare corsi pre-parto e senza l'aiuto di un'ostetrica professionista. Ogni anno moltissime di esse, circa 60.000, muoiono a causa di complicazioni o per pratiche abortive pericolose.

Come aiutarli: se volete aiutarci a raccogliere fondi destinati all'educazione scolastica, a sostenere le famiglie delle dieci bimbe del progetto Kumari , che hanno avuto la casa danneggiata dal terremoto , scriveteci a : clownoneitalia@gmail.com

SKY WALKER CLOWNS 2015-16 (regione di Rasuwa).

Dal 2012 promuoviamo il progetto "Sky Walker Clown" che ha realizzato un intervento umanitario , con diversi operatori ; clowns, medici, un erborista, un operatore video, nel villaggio di Gatlang,nella regione di Rasuwa,per creare un ponte di solidarietà e di scambi transculturali con una delle più antiche popolazioni del Nepal - i "Tamang".Le popolazioni della regione del Rasuwa vicini all'epicentro del tragico terremoto di aprile 2015, sono anche i custodi naturali di oasi di natura selvatica e di templi di sacralità del nostro pianeta: i monti più alti della terra, le foreste, i ghiacciai e i fiumi himalayani. Sono anche eredi di un'antica cultura di amicizia e comunione con la terra e con tutte le sue creature. Che conserva maestri sciamani, artisti e eroi contadini che sopravvivono da milleni, con coraggio e perizia, in ambienti estremi. Anche per questo é nostro onore poterli aiutare. Il terremoto ha danneggiato gravemente molti villaggi in questa regione.

Come aiutarli: Clown One Italia, con il Gesundheit! Institute dottor Patch Adams ,e ad altri sponsor privati , ha raccolto fondi per aiutare a costruire due scuole : nella zona dei villaggi di Yarsa ,regione di Rasuwa , e nella zona di Dhading. Nel 2016 ci siamo recati a Yarsa per documentare e definire gli accordi per la costruzione della una scuola, insieme ad ASIA onlus ,che sta realizzando il progetto . Il prossimo Aprile / Maggio 2017 ci recheremo in Nepal per documentare i progressi della scuola di Yarsa , incontrare il villaggio ; e documentare la costruzione della scuola di Dhading , con Apeiron onlus che sta realizzando il progetto. Se volete contribuire contattateci: clownoneitalia@gmail.com

Il Nepal, conosciuto fino a pochi anni fà per la bellezza delle sue montagne e la spiritualità dei suoi templi, si è trasformato in un paese dilaniato da violenti conflitti. Dopo dieci anni di guerra civile che ha fatto più di 10.000 vittime, le armate di ispirazione maoiste sono entrate in Kathmandu scacciando il re despota. E ad oggi il paese vive un clima politico di estrema instabilità.